Incisivo perso? Nessun problema!

Ho perso un incisivo!!!

La perdita di un incisivo è probabilmente la menomazione estetica più grave del sorriso di una persona. Un incisivo può essere perso per carie o più frequentemente per trauma.

I bambini, poiché hanno spesso gli incisivi sporgenti, sono quelli più facilmente esposti ai traumi e dunque più soggetti a sviluppare nel tempo problemi ingravescenti (fratture, devitalizzazioni, avulsioni traumatiche). Molti degli incisivi persi da grandi infatti risultano aver subito un trauma in passato. Per quanto riguarda le carie, ci sono quelle destruenti o radicolari che indeboliscono così tanto il dente da non permetterne più il recupero.

Se la carie o il trauma si presentano in un paziente giovane si tenterà in tutti i modi di salvare il dente perché è meno indicata la terapia protesica o implantare. Ci sono però situazioni in cui, nonostante i tentativi di recupero, ad un certo punto non c’è più nulla da fare e il dente è perso. In altri casi, a prescindere dall’età, traumi netti possono impedire da subito qualsiasi tentativo di recupero e l’unica possibilità rimane l’estrazione.

Allora cosa si può fare?
Le soluzioni possibili sono due: la sostituzione del dente perso con un impianto o con un ponte.

Cosa cambia?
Se i denti adiacenti a quello perso sono sani allora è assolutamente indicata la soluzione implantare. Infatti oggi con un impianto è possibile sostenere una corona protesica che potrà ripristinare il dente perso in maniera eccellente sia sul piano estetico che su quello funzionale.

Se invece i denti adiacenti hanno varie problematiche, di tipo ricostruttivo o parodontale, può essere indicato “approfittarne” per migliorare la salute globale di quella zona realizzando un ponte. Cioè limare i denti vicini per sostenere un manufatto protesico multiplo che vada contemporaneamente a restaurare il dente perso assieme agli altri.

In entrambi i casi sarà la situazione clinica a guidarci nella scelta e poi sarà nostro compito adoperarci al meglio per rendere il tutto “invisibile”… Il miglior restauro è quello che non si vede 😉

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie e può richiedere i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.